Esami di Maturità

Istituto Scolastico PIO XII Scuola paritaria

 

Esame di Stato

 

Ammissione

In base al nuovo Regolamento per la valutazione degli studenti, varato nel 2009 ed entrato in vigore nell’anno scolastico 2009/2010, saranno ammessi agli Esami di Stato soltanto gli studenti che, nello scrutinio finale, abbiano conseguito una votazione non inferiore a 6 in tutte le materie e in condotta e che abbiano frequentato tre quarti dell’anno scolastico.

 

Prima prova scritta

La prima prova scritta è intesa ad accertare la padronanza della lingua italiana o della lingua nella quale si svolge l’insegnamento, nonché le capacità espressive, logico-linguistiche e critiche del candidato, consentendo la libera espressione della personale creatività.

Il candidato deve realizzare, a propria scelta, uno dei seguenti tipi di elaborati proposti dal Ministero della Pubblica Istruzione:

a) analisi e commento, anche arricchito da note personali, di un testo letterario o non letterario, in prosa o in poesia, corredato da indicazioni che orientino nella comprensione, nella interpretazione di insieme del passo e nella sua contestualizzazione;
b) sviluppo di un argomento scelto dal candidato tra quelli proposti all’interno di grandi ambiti di riferimento storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico. L’argomento può essere svolto in una forma scelta dal candidato tra i modelli di scrittura del saggio breve e dell’articolo di giornale;
c) sviluppo di un argomento di carattere storico, coerente con i programmi svolti nell’ultimo anno di corso;
d) trattazione di un tema su un argomento di ordine generale, attinto al corrente dibattito culturale, per il quale possono essere fornite indicazioni di svolgimento.

 

Seconda prova scritta

Gli studenti saranno chiamati a svolgere la seconda prova che avrà come materia una disciplina di indirizzo e sarà quindi diversificata e scelta dal Ministero a seconda della tipologia dell’Istituto.

 

Colloquio

Il colloquio è il vero momento pluridisciplinare dell’esame: riguarda tutte le materie dell’ultimo anno e rende l’esaminato parte attiva della discussione.

Si svolge in tre fasi:

1. presentazione da parte del candidato del suo progetto o della sua ricerca impostata sotto forma di tesina o di mappa concettuale;
2. discussione su argomenti proposti dalla commissione;
3. discussione critica degli elaborati relativi alle prove scritte.

Il colloquio si pone dunque essenzialmente come prova aperta, tesa a mettere in evidenza le conoscenze e competenze dello studente, ma soprattutto le sue capacità di stabilire relazioni tra i diversi avvenimenti culturali e la metodologia acquisita nell’impostare una ricerca. Nei giorni immediatamente precedenti al colloquio i candidati devono comunicare preventivamente l’argomento scelto e le linee guida del suo sviluppo.

Apertura

– Tempi: 10 minuti;
– Oggetto: il candidato discute con la commissione dell’argomento (mappa concettuale o tesina) proposto;
– Struttura: la tecnica di presentazione è libera: può essere orale, scritta e orale, grafica, multimediale etc.

Prosecuzione

– Tempi: 30-40 minuti;
– Oggetto: la commissione propone domande pluridisciplinari o su una singola disciplina sul programma dell’ultimo anno;
– Struttura: le domande possono essere libere, orientate sugli argomenti della tesina, o pertinenti ad un testo o un documento proposto dalla commissione.

Conclusione

– Tempi: 10 minuti;
– Oggetto: discussione sugli elaborati delle prove scritte;
– Struttura: questa fase potrebbe anche seguire quella di apertura, ma in genere chiude il colloquio, come momento di distensione. La discussione delle prove scritte non può in alcun modo modificarne il risultato, ma può incidere positivamente sul colloquio.

 

Valutazione

La valutazione finale è data dalla somma dei punteggi che ciascun candidato ha riportato nel credito scolastico, nelle tre prove scritte e nel colloquio.

Il punteggio è in centesimi. La soglia di sufficienza è di 60 punti.

Il punteggio è così articolato:

– un massimo di 25 punti per il credito scolastico;
– un massimo di 45 punti per le tre prove scritte;
– un massimo di 30 punti per la prova orale.

La commissione dispone fino a 5 punti di “bonus” per premiare esami particolarmente brillanti purchè il candidato abbia almeno 15 punti di credito e 70 punti nelle prove d’esame. E’ consentita l’attribuzione della lode ai candidati che all’esame finale avranno conseguito il punteggio massimo di 100 punti senza fruire del bonus integrativo dei 5 punti.

Gli studenti che hanno raggiunto risultati di eccellenza (100 e lode) saranno inseriti nell’Albo nazionale, che sarà pubblicato sul sito del Ministero per essere utilizzato dalle università, dalle istituzioni di Alta cultura, dalle comunità scientifiche ed accademiche e dalle imprese interessate. Agli studenti che conseguono 100 e lode agli esami di Stato verranno inoltre assegnati buoni da utilizzare per l’acquisto di libri e altri sussidi scolastici, testi universitari e riviste scientifiche.

 

Tesina o Mappa Concettuale

La tesina è lo sviluppo scritto del percorso ideato nella mappa concettuale. Nella sua forma più tradizionale è stata, già negli anni precedenti alla riforma, uno strumento spesso adottato dagli studenti per indirizzare l’andamento dell’esame orale. Con l’introduzione del colloquio pluridisciplinare la tesina è diventata una prova di metodo per valutare la capacità di:
– organizzare un percorso di ricerca;
– individuare percorsi di studio;
– produrre materiali.

La mappa concettuale costituisce sicuramente la spina dorsale del nuovo colloquio pluridisciplinare e serve ad evidenziare anche dal punto di vista grafico:

– le conoscenze e competenze acquisite dallo studente nelle diverse discipline;
– la capacità di analisi dello studente nell’approfondimento critico dei singoli argomenti;
– la capacità di sintesi nello strutturare gli argomenti in un percorso unitario;
– la capacità di mettere in relazione gli argomenti e le problematiche studiate, attraverso collegamenti efficaci e credibili.

Una mappa concettuale ideata e organizzata correttamente permette, al momento del colloquio, un’esposizione chiara e precisa del percorso critico da parte del candidato e una comprensione semplice e immediata dei collegamenti pluridisciplinari da parte della commissione.

 

Per Iscrizioni & Informazioni

Orario di segreteria: 8.30 – 19.30 dal lunedì al venerdì.
Telefono: 06.43.81.465
info@istitutoscolasticopioxii.it

“Non cercare di diventare un uomo di successo, ma piuttosto un uomo di valore.”
A. Einstein

INDIRIZZI DI STUDIO

Istituto Tecnico Settore Economico, Istituto Tecnico Settore Tecnologico, Liceo Scientifico.

CORSI INFORMATICA EIPASS

Per attestare il possesso delle competenze digitali (European Informatics Passport) .

RECUPERO ANNI SCOLASTICI

Qualsiasi sia il tuo punto di partenza ti permettiamo di completare il tuo percorso scolastico.

DOPOSCUOLA

L’attività pomeridiana in Istituto è fondamentale per la crescita didattica dei ragazzi.

Leggi le ultime

NOTIZIE & AVVISI